Ostetricia Ospedale di Voghera: quando i cittadini si attivano la politica non può che adeguarsi – di Caterina Grimaldi

OSTETRICIA OSPEDALE DI VOGHERA: QUANDO I CITTADINI SI ATTIVANO LA POLITICA NON PUÒ CHE ADEGUARSI – di Caterina Grimaldi

Pubblico il mio intervento del 15 Luglio 2019 in Consiglio Comunale, relativo alla discussione sulla paventata ipotesi di chiusura estiva del Reparti di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale di Voghera.

Da quanto appreso dagli articoli di stampa, sembrerebbe che la “temporanea” chiusura del reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’Ospedale di Voghera – e lo spostamento del servizio per la turnazione estiva all’Ospedale di Stradella – sia da considerarsi un capitolo chiuso.

Infatti, questa scelta risultava incomprensibile, preoccupante e molto rischiosa in quanto l’Ospedale di Stradella è sprovvisto di servizi essenziali quali:

– il dipartimento di emergenza;

– la rianimazione;

– la possibilità di consultare con rapidità medici specialisti degli altri reparti, come avviene all’Ospedale di Voghera ma, appunto, non in quello di Stradella.

Voghera non deve trovarsi nella condizione di vedere la chiusura del reparto di Ginecologia e Ostetricia, soprattutto perché gli utenti di questi servizi arrivano da un bacino territoriale molto vasto che comprende anche la Valle Staffora e il Tortonese.

Inoltre, in caso di complicanze, gli utenti si vedrebbero costretti a dover raggiungere gli Ospedali di Pavia, con un aggravio di tempi che potrebbero diventare molto pericolosi per la salute delle pazienti e dei nascituri.

Come Movimento 5 Stelle abbiamo chiesto l’intervento del nostro Consigliere Regionale Simone Verni affinché riferisca istituzionalmente alla Giunta Regionale la necessità di mantenere attivi servizi ospedalieri così importanti e anche il nostro deputato Cristian Romaniello è pronto a portare la questione in Parlamento.

Questo per quanto riguarda il tema della temporanea chiusura dei reparti, ma da parte del Movimento 5 Stelle resta molto alta l’attenzione anche per quello che riguarda la chiusura del Reparto di Ginecologia e Ostetricia per i lavori di ristrutturazione il cui inizio è previsto per la fine del 2020 e che dureranno circa un anno perché, secondo noi, sarebbe opportuno che ASST valutasse lo spostamento del servizio all’interno dell’Ospedale di Voghera stesso – proprio per evitare tutti i disagi espressi in questi giorni dagli utenti e dagli operatori del settore.

Colgo l’occasione per ringraziare le 2400 persone che hanno sottoscritto la petizione contraria alla chiusura, perché questo dimostra che quando i cittadini si attivano la politica non può che adeguarsi.

Potrebbero interessarti anche...

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close