INTERPELLANZA – Obblighi vaccinali e continuità scolastica

Il Decreto Legge n° 73/2017 “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”, convertito, con modificazioni, in Legge n.119 del 31 luglio 2017 disciplina l’obbligo vaccinale per la popolazione con età compresa tra 0 e 16 anni, con riguardo alle vaccinazioni del tipo anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite e anti-varicella.

L’assolvimento degli obblighi vaccinali contenuti nella Legge n.119/2017 costituisce condizione necessaria e vincolante ai fini dell’accesso agli asili nido e alle scuole dell’infanzia.

La normativa e le successive circolari del Ministero della Salute e del Ministero della Pubblica Istruzione hanno dimostrato, nella pratica, difficoltà di attuazione e di interpretazione conforme.

Inoltre la normativa prevede al 10 marzo 2018 l’allontanamento dei minorenni (fascia 0-6) non in regola con la documentazione oggetto di autocertificazione, dalle strutture educative e scolastiche.

La mancata conclusione dell’anno educativo e scolastico, così come l’allontanamento forzato dal proprio gruppo di pari costituirà un grave nocumento, un trauma a livello psicologico e un danno a livello didattico ed educativo tale da potersi configurare come vera e propria violenza istituzionale nei loro confronti.

Riteniamo sia opportuno garantire a tutti loro, anche non vaccinati ma regolarmente iscritti, la conclusione dell’anno educativo e scolastico 2017/2018 senza alcuna interruzione di servizio e di continuità educativa. 

Abbiamo quindi presentato un’interpellanza con cui chiediamo al Sindaco:

  • di porre in essere tutte le necessarie attività istituzionali nei confronti del Governo, della Regione, dell’ANCI e degli altri Enti competenti al fine di evitare che i bambini e le bambine non vaccinati, ma regolarmente iscritti, siano allontanati dalle strutture educative e scolastiche e che sia consentito loro di giungere alla conclusione dell’anno educativo e scolastico 2017/2018, senza alcuna interruzione della continuità educativa e didattica;
  • di richiedere agli Enti competenti chiare linee guida operative che consentano uniformità nell’attuazione sul territorio della normativa, in particolare in materia di trattamento dei dati personali, per evitare che le scelte personali in materia sanitaria siano accessibili a soggetti diversi dai titolari o responsabili del trattamento dei dati e i soggetti istituzionali designati dagli stessi.

Leggi il testo integrale della nostra interpellanza.

Potrebbero interessarti anche...

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close