Inceneritore di Retorbido: non è ancora finita.

capture

GROSSO GUAIO sull’inceneritore di RETORBIDO: come volevasi dimostrare, la IET non è stata alla finestra a guardare (e non era difficile immaginare che intervenisse!) e proprio oggi alle 16,30 ha inviato una missiva di fuoco (!) indirizzata al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Governatore Maroni, agli Assessori e Consiglieri di Regione Lombardia e alla DG Ambiente! Pubblico qui l’estratto più significativo della lettera affinchè tutti possiate esserne al corrente.
Come il M5S aveva purtroppo preannunciato, il pasticciato emendamento fatto all’ultimo minuto dalla Terzi sta producendo i suoi effetti negativi e i NODI e le MOLTEPLICI CRITICITA’ dell’emendamento (fatto COI PIEDI! nonostante la Giunta abbia un fior fiore di avvocati) STANNO VENENDO AL PETTINE.
La IET si è mossa mettendo nero su bianco i profili di illegittimità costituzionale dell’emendamento malscritto dalla Giunta che violerebbe i principi costituzionali dell’uguaglianza, del divieto della disparità di trattamento e della violazione della libertà di impresa (artt. 3 e 42 Cost,) , nonché l’art. 117, co. 2 della Cost.).
Inoltre, ad AGGRAVARE LA SITUAZIONE, vi informo che stamani la Giunta NON ha fatto depositare alcun emendamento sull’EFFICACIA IMMEDIATA della legge, pur sapendo che questa è forse l’unica àncora di salvezza in extremis, per cui il timore che SALTI TUTTO IN ARIA è fortissimo! Come vi anticipavo, domani sarà un’Aula al CARDIOPALMA e tutto perché la Giunta si è ridotta all’ultimo momento a presentare un ennesimo atto pasticciato senza valutare tutte le ripercussioni negative del caso! Il M5S da 2 anni chiede che il provvedimento di RIGETTO sia basato sui CRITERI OSTATIVI GIÀ ESISTENTI! Perché non li si vuole far valere? Perchè la Terzi si è dovuta inventare questo pasticcio quando i motivi per il RIGETTO sono stati TUTTI messi sul piatto della Giunta da due anni a questa parte??? Siamo di nuovo A RISCHIO! Chi cantava vittoria, dovrà ricredersi perché purtroppo quando si fanno le cose COI PIEDI, non si fa altro che esporre il territorio a gravissimi RISCHI!

 

 

Qui trovate la lettera integrale inviata da IET

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close