Cambio della denominazione del Casello A7: una nostra piccola vittoria.

E’ con piacere che segnaliamo che in data 17 maggio 2014, il Sindaco di Casei Gerola Ezio Stella ha ufficialmente chiesto alla Società Autostrada Milano Serravalle e all’Aiscat di modificare la denominazione del casello Autostradale A7 da “Casei Gerola” in “Casei Gerola – Oltrepò Pavese” (Richiesta cambio denominazione). Questo può rappresentare il primo passo di un progetto complessivo di rilancio del Turismo e di valorizzazione dell’Oltrepò Pavese.

Consideriamo questa richiesta una nostra vittoria, dato che da anni sollecitiamo il Comune di Voghera a farsi portatore di questa istanza e di molte altre che hanno l’obiettivo di sviluppare il turismo e dunque l’economia locale e l’occupazione.

In questi 4 anni in Consiglio Comunale con il nostro consigliere Antonio Marfi, ci siamo dati l’obiettivo di stimolare il Sindaco Barbieri e la Giunta a fare di più. A volte l’amministrazione ha trasformato le nostre proposte in progetti approssimativi ed inadeguati, come si sta rivelando la raccolta differenziata porta a porta attuata solo per la frazione umida e solo nel centro città, o come l’Infopoint turistico che si prevede di posizionare in una zona inappropriata come l’ex-pesa pubblica di via Garibaldi, lontano dalle autostrade e dalla stazione ferroviaria.
Altre volte il Sindaco e la giunta di centro-destra non ci hanno nemmeno ascoltato, come nel caso delle nostre proposte per lo sviluppo economico ed occupazionale di Voghera, limitandosi a dire di “non avere le deleghe” e preferendo quattro anni di inattività.
Infine in altre circostanze Carlo Barbieri ha raccolto le idee cercando di prendersene il merito. Questo è il caso della nostra proposta di ” Sviluppo del turismo in Oltrepò Pavese“, di cui Voghera dovrebbe essere capofila, presentata il 21 settembre 2012 e nata dallo studio che abbiamo realizzato nei mesi precedenti.

Tra le proposte c’era la richiesta di modificare la denominazione del Casello A7 inserendo “Oltrepò Pavese” al fine di agevolare una maggiore conoscenza del territorio da parte dei potenziali turisti, senza dover ricorrere a forti esborsi economici in promozione turistica da parte degli enti pubblici. In vista di Expo 2015, questa variazione, congiuntamente ad altre importanti attività di promozione turistica dell’Oltrepò Pavese, riteniamo sia in grado di dare un buon contributo allo sviluppo dell’immagine ed alla rilevanza dell’Oltrepò Pavese.

Ad oltre un anno dalla presentazione della nostra proposta, a seguito dell’inerzia del Comune di Voghera, il 2 aprile 2014 siamo tornati ad insistere sul tema, presentando questa volta una mozione, congiuntamente ad altre forze di opposizione, in cui proponevamo al Comune di Voghera, di farsi portatore verso la Provincia di Pavia (in quanto sede della regia della promozione turistica) di questa istanza. A seguito di questa nuova richiesta il Sindaco Carlo Barbieri si è finalmente mosso, preferendo però contattare il Sindaco di Casei Gerola.

Al Sindaco di Casei Gerola, Ezio Stella, che ha condiviso l’idea ed ha prontamente operato per svolgere gli adempimenti, vanno i nostri ringraziamenti. Confidiamo ora in una risposta positiva ed in tempi brevi da parte degli enti interpellati.
E confidiamo anche che il Sindaco di Voghera Carlo Barbieri, comprenda che non può limitarsi a questa iniziativa, ma che accolga anche le altre nostre proposte in merito allo sviluppo del Turismo in Oltrepò Pavese.
In questo senso troviamo di cattivo auspicio l’annullamento all’ultimo minuto della conferenza su Expo 2015, che si sarebbe dovuta tenere sabato 30 maggio. Probabilmente sarebbe stato difficile per il Sindaco parlare di un progetto di cui i costi sono certi (“un euro a testa per ogni vogherese” per due anni), ma la cui strategia è ancora completamente ignota.
A parole la valorizzazione del territorio dell’Oltrepò Pavese è sempre una priorità. Facciamo in modo che sia così anche nei fatti, misurando i risultati puntuali delle azioni intraprese.
Ogni euro speso deve avere un ritorno sul territorio.

M5S Voghera

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. A.Guidi ha detto:

    Scusate volevo sapere ad oggi la stituazione del cosidetto “Parco Baratta”, che doveva essere un polmone verde, un vero e proprio parco che un serio studio urbanistico aveva previsto alle porte di Voghera e che rischia di rimanere un progetto irrealizzato.
    Al posto degli spazi verdi e degli alberi d’alto fusto mi sa che si vogliono fare nascere palazzine e villette a schiera con qualche fazzoletto verde fra strade e stradine di accesso alle proprietà.
    A che punto è il progetto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close