Proposta di delibera “Manifestazione d’interesse per la realizzazione del progetto denominato ciclovia VENTO – Venezia/Torino” – Atto di indirizzo

Voghera 24-04-2014

Al Presidente del Consiglio Comunale
Dott. Nicola Affronti

Al Sindaco del Comune di Voghera
Dott. Carlo Barbieri

 

 

Oggetto: Proposta di delibera “Manifestazione d’interesse per la realizzazione del progetto denominato ciclovia VENTO – Venezia/Torino” – Atto di indirizzo

 

Il sottoscritto Consigliere Comunale ANTONIO MARFI, in base all’articolo 15 comma 5 dello Statuto Comunale, presenta il seguente schema di delibera, al fine di manifestare l’interesse del Comune di Voghera alla grande opera “Ciclovia VENTO”.

Il sottoscritto chiede di inserire la proposta di delibera al prossimo Consiglio Comunale.

 

Antonio Marfi
Consigliere Comunale
Movimento Voghera 5 Stelle

Allegati: Schema di delibera / atto d’indirizzo e Relazione descrittiva

 

 

 

Relazione

 Lo schema di delibera sottoposto al Consiglio Comunale, prevede la manifestazione d’interesse del Comune di Voghera per la grande opera ciclovia VENTO, un progetto redatto dal Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano. La manifestazione d’interesse in questa prima fase, non prevede nessun impegno di spesa a carico del Comune di Voghera.

Il progetto parte dalla realizzazione di una ciclovia fra le città di Torino e Venezia seguendo grosso modo il corso del fiume Po, ma VENTO è anche un progetto di sviluppo, una concreta e stabile occasione di occupazione e rilancio economico dei territori attraversati e dei territori limitrofi;

Il Comune di Voghera, ha sostenuto la realizzazione della GREENWAY Pavia-Voghera-Varzi per il tratto che attraversa il territorio comunale, concretizzando un’importante opera di sostenibilità ambientale e di mobilità dolce, che come si crede, sosterrà nuove forme di rilancio economico, turistico e sociale. In questo quadro, l’adesione al Progetto VENTO, promuoverebbe maggiormente, l’infrastruttura GREENWAY, appena realizzata e metterebbe in relazione il territorio comunale e della valle Staffora, con le aree attraversate dalla Ciclovia VENTO e si andrebbero a creare inoltre forti relazioni economiche e di sviluppo con altri enti interessati al progetto VENTO.

Il Comune di Voghera, si proporrebbe inoltre come luogo di alta intermodalità della rete dei trasporti pubblici, considerata la presenza dell’importante rete ferroviaria che transita dalla stazione di Voghera, per la presenza della nuova velostazione e per la presenza di una rete di trasporti pubblici che permettono il collegamento con Torino, Milano e Genova.

L’ultimo importante stimolo per l’adesione al progetto VENTO è legato alla possibilità di accedere ai numerosi fondi pubblici(europei, nazionali e delle fondazioni) che sono erogati al fine di realizzare, migliorare e promuovere la viabilità dolce/ciclabile, su tutto il territorio nazionale. (esempio Bando Brezza erogato dalla Fondazione Cariplo –  http://www.fondazionecariplo.it/it/bandi/Bandi-2014.html)

Ad oggi, molti Enti e Associazioni, hanno manifestato interesse o aderito al progetto VENTO, tra i quali il FAI, il TOURING Club Italiano, WWF, Slow Food e LIPU e città come Milano, Cremona, Torino, Pavia, Travacò Siccomario, oltre l’Autorità dei Bacino del Po, il parco fluviale del Po e dell’Orba e la provincia di Pavia.

Maggiori informazioni possono essere recuperate sul sito internet dedicato al progetto VENTO www.progetto.vento.polimi.itvento@polimi.it – Dipartimento di Architettura e Studi Urbani – Via Bonardi, 3 – 20133 Milano Tel. +39.02.2399.4114 Fax +39.02.2399.5435

 

Di seguito, una relazione descrittiva redatta dal Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano.

 

VENTO In bicicletta da VENezia a TOrino lungo il fiume Po passando per EXPO2015

VENTO è un progetto ideato ed elaborato da DAStU – Politecnico di Milano.

VENTO è il progetto di una ciclabile per cicloturismo come per la mobilità locale (tracciato + soluzioni tecniche e infrastrutturali), ma non solo. VENTO, attraverso la leva del cicloturismo, ha come obiettivo la promozione di una concreta idea di sviluppo occupazionale, ambientale e alimentare, straordinariamente adatta al nostro Paese.

La ciclabile VENTO collega VENezia con TOrino passando per Milano (EXPO 2015) e corre prevalentemente lungo gli argini del fiume Po (vedi i dettagli del progetto su www.progetto.vento.polimi.it). VENTO è lunga 679 km, attraversa 242 località, 300 punti di ricettività, 2.000 attività commerciali e più di 10.000 aziende agricole oltre a paesaggi, sapori e saperi e tanti centri storici unici al mondo, che centinaia di migliaia di turisti vorrebbero visitare in bicicletta e non possono ancora farlo del tutto.

In parte VENTO già esiste (102 km, pari al 15% del tracciati, sono già percorribili in sicurezza, su ciclabile in sede protetta o con corsia riservata), in parte occorrono accordi politici e tecnici per utilizzare gli argini e percorrere ztl e sentieri (284 km, pari al 42% del tracciato), e in parte deve essere realizzata e messa in sicurezza. Di questi 293 km, 148 km necessitano di pochi e semplici interventi per diventare pedalabili in sicurezza (si tratta di tratti percorribili solo a mezzi autorizzati, tratti promiscui su strade a basso traffico, tratti promiscui su strade a 30km/h, argini accessibili alle auto, tratti (anche di ciclabile) aventi la pavimentazione leggermente sconnessa. I restanti 145 km necessitano di interventi di una certa rilevanza, quali la realizzazione di tratti di ciclabile in sede propria, la creazione di rampe di accesso ai ponti, la costruzione di passerelle in aderenza a ponti esistenti ove non vi è la possibilità di riservare corsie alle biciclette (etc.).

Il progetto di fattibilità elaborato da DAStU – Politecnico di Milano si è ispirato ad alcuni criteri chiave per la ciclabilità turistica come la sicurezza (tutti i tratti devono essere protetti e non condivisi con le auto), l’intermodalità (il tracciato è stato studiato per essere prossimo alla rete del ferro e ai punti di navigabilità fluviale), l’unitarietà (l’infrastruttura richiede di essere riconoscibile per forma, stile e soluzioni tecniche ed inoltre richiederà visione gestionale unica), la connettività (VENTO si connette con altri tracciati esistenti o potenziali generando rete di cui VENTO è la dorsale principale), il low cost (tracciato e soluzioni sono state selezionate facendo si che siano a basso costo).

L’opera è fattibile in due-tre anni e nel 2015 potremmo inaugurare EXPO e insieme VENTO, la più lunga ciclabile del sud Europa, con un costo in opere di circa 80 milioni di euro (un nonnulla rispetto alla spesa pubblica annuale ed equivalente al costo di 1-2 km di autostrada). Di questi, circa 1 milione di euro basterebbe a rendere pedalabile in sicurezza il 60% di VENTO(che attualmente è bloccato per via di inattuali regole di uso delle sommità arginali). Circa 18 milioni di euro si consentirebbe di raggiungere quasi l’80% del suo sviluppo. E con ulteriori 61 milioni di euro (circa 420 euro al metro lineare) VENTO verrebbe completata.

Realizzare VENTO è concretamente possibile. E presto. L’indotto economico annuo stimato è pari a due volte l’investimento iniziale. Per sempre. Occorre l’impegno dello Stato e delle amministrazioni locali ma seguendo un modello realizzativo e gestionale fortemente unitario e ottimamente coordinato.

Infine VENTO è rete: è una dorsale straordinaria che ha tantissime opportunità per crescere collegandosi con altre ciclabili (Brennero-Peschiera-Mantova, Torino-Nizza, Mantova-Ferrara-Adriatico, etc.), raddoppiando sulla sponda opposta del Po come già proposto da Bicitalia. VENTO è anche Eurovelo ovvero diverrebbe attuazione del disegno infrastrutturale europeo mettendo in collegamento il nostro Paese con altri paesi dove il cicloturismo è un’opportunità affermata di sviluppo.

VENTO è un progetto che ha solo bisogno di essere realizzato. La ciclabilità un’opzione culturale e di sviluppo per tutti.

 

 

 

 

 

Oggetto: “Manifestazione d’interesse per la realizzazione del progetto denominato ciclovia VENTO – Venezia/Torino” – Atto di indirizzo

 

IL CONSIGLIO COMUNALE DI VOGHERA

PREMESSO che:

  • VENTO è un progetto del Politecnico di Milano per la creazione di una ciclovia che colleghi Torino e Venezia lungo il percorso del fiume Po, toccando città come Pavia Cremona e Ferrara; www.progetto.vento.polimi.it
  • il progetto VENTO è inteso come un progetto di sviluppo di Green Economy lungo i 679 km del collegamento ciclabile, integrato con la navigazione fluviale e la rete ferroviaria, e che sfrutta in parte la rete stradale esistente e soprattutto gli argini fluviali;
  • l’obiettivo del progetto VENTO è di venire attuato entro il 2015 divenendo una delle più lunghe ciclovie del sud Europa;
  • al progetto hanno aderito enti come il FAI, il TOURING Club Italiano, WWF, Slow Food e LIPU e città come Milano, Cremona, Torino, Pavia, Travacò Siccomario, oltre l’Autorità dei Bacino del Po, il parco fluviale del Po e dell’Orba e la provincia di Pavia;

 

CONSIDERATO che:

  • il turismo sostenibile e ciclabile è in costante aumento nei volumi economici;
  • numerosi cittadini europei guardano con crescente attenzione all’infrastrutturazione delle grandi ciclovie come elemento determinante nelle scelte dei propri spostamenti;
  • il percorso individuato nel progetto VENTO permette di valorizzare la storia e l’arte e il paesaggio del nostro territorio e passa in molti comuni limitrofi collegati alla città di Voghera(es. Tratto di Ghiaie);
  • il comune di Voghera ha manifestato interesse per una politica di sostenibilità ambientale e di mobilità dolce attraverso la promozione del percorso ciclo pedonale Greenway Voghera-Varzi;
  • il comune di Voghera all’interno del suo PGT ha previsto una complessa rete di piste ciclopedonali a completamento della rete locale;
  • esistono sul territorio comunale strutture di appoggio (velostazione presso autoporto) che possono essere utilizzati dai cicloturisti come punti di ristoro e di sosta ed altre strutture che possono permettere un’indermodalità dei trasporti e degli spostamenti (rete ferroviaria e trasporti pubblici locali);
  • l’adozione del presente provvedimento, non comporta impegni di spesa;

 

VISTO il parere …………. della Commissione Consiliare III – “Territorio, Lavori Pubblici e Ambiente” espresso nella seduta del ………………………..;

 

Rilevato che non sono stati acquisiti i pareri di regolarità tecnica e contabile ai sensi dell’art. 49 D.Lgs. 18/08/2000, n. 267 in quanto il presente provvedimento assume atto di indirizzo;

 

VISTO il vigente statuto comunale;

VISTO il D. Lgs. n. 267 del 18.08.2000 e s.m.i.;

Accertata con l’assistenza degli scrutatori la seguente votazione resa in forma palese ai sensi di legge:

CONSIGLIERI PRESENTI        N°

CONSIGLIERI VOTANTI         N°

Voti favorevoli                              N°

Voti contrari                                  N°

Astenuti                                        N°

 

DELIBERA

 

  1. di dare atto che le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento;
  2. di manifestare l’interesse del Comune di Voghera al progetto VENTO, riconoscendone l’utilità sociale, economica e di sviluppo green del territorio;
  3. di inviare all’indirizzo di posta elettronica vento@polimi.it la lettera d’adesione a VENTO in formato digitale su carta intestata dell’Ente e con il logo dell’Ente, la seguente dicitura: “Il Consiglio Comunale di Voghera riunitosi in data ………… esprime il proprio interesse all’idea della grande opera/ciclovia VENTO, ne riconosce l’utilità sociale, economica e di sviluppo ‘green’ del territorio. Pertanto sollecita le Regioni, gli Enti Fluviali e il Governo a dare avvio alla realizzazione di VENTO nell’interesse di tutti. La presente viene inviata nella consapevolezza che il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano, in linea coi propri fini istituzionali ha sviluppato il progetto “VENTO”, cui ha dedicato un’apposita sezione sul sito istituzionale dell’Ateneo: http://www.progetto.vento.polimi.it/. Nell’ambito di tale progetto, il trattamento dei dati acquisiti verrà effettuato ai sensi del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. Al fine di effettuare un sondaggio di gradimento via e-mail, i Responsabili del progetto, previo consenso dell’interessato inviato con questa stessa mail spedita all’indirizzo vento@polimi.it, potranno pubblicare sul sito citato il nome e il cognome del mittente (e se esplicitata anche l’affiliazione). Non verrà invece pubblicato l’indirizzo di posta elettronica del mittente. Ai sensi della presente informativa, resa in ottemperanza a quanto disposto dall’art. 13 del D. Lgs. n. 196/03, si autorizza quindi alla pubblicazione sul sito http://www.progetto.vento.polimi.it/ del proprio nome e cognome e se esplicitata, anche l’affiliazione. Responsabile del trattamento dei dati è il Dipartimento di Architettura e Studi Urbani – Progetto VENTO”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close